Potpourri Populare

from by Roberto Ruscitti

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      $0.89 USD  or more

     

  • Full Digital Discography

    Get all 4 Roberto Ruscitti releases available on Bandcamp and save 25%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of Mi Mundo, Ensueño, Gotas de Oro, and Gocce d'Oro. , and , .

      $30.75 USD or more (25% OFF)

     

about

"Piemontesina bella" is a well-known popular love song. Although it is not from Piedmont, it is symbolic of its folk tradition.

The song tells the story of a young student who must leave Turin upon finishing his studies. He also has to leave his "piemontesina bella" (Rosina), with whom he fell in love and spent some nice "sere passate al Valentino“ (evenings spent at Valentine). The boy then parts "col pianto nel cuor" (with tears in his heart) because he leaves his heart in Turin.
It’s a bit of a melancholic waltz, that is sung and danced at festivities and folk festivals, but it is also a symbol for the many people who have emigrated and who miss their Piedmont - their suffering, their land, and their city.

Just listening to “Vóla vóla vóla” from 1922 evokes the Italian mountain state of Abruzzo, where during the Second World War it was sung as a protest against the German occupation.

In 1974, Tony Santagata wrote “Lu maritiello” in the dialect of Puglia to win the Canzonissima festival.

Calabrisella or Calavrisella is a popular folksong from Calabia.

lyrics

PIEMONTESINA

Addio bei giorni passati,
mia piccola amica ti devo lasciar,
gli studi son già terminati
abbiamo finito così di sognar.

Lontano andrò,
dove non so,
parto col pianto nel cuor,
dammi l'ultimo bacio d'amor.

Non ti potrò scordare
piemontesina bella,
sarai la sola stella
che brillerà per me.

Ricordi quelle sere
passate al Valentino,
col biondo studentino
che ti stringeva sul cuor.

Rosina il tuo allegro studente,
di un giorno lontano è adesso dottor,
io curo la povera gente
ma pure non riesco a guarire il muio cuor.

La gioventù,
non torna più,
quanti ricordi d'amor,
a Torino ho lasciato il mio cuor.

Non ti potrò scordare
piemontesina bella,
sarai la sola stella
che brillerà per me.

Ricordi quelle sere
passate al Valentino,
col biondo studentino
che ti stringeva sul cuor.

Ricordi quelle sere
passate al Valentino,
col biondo studentino
che ti stringeva sul cuor

VOLÁ, VOLÁ, VOLÁ

Vulesse fa' 'rvenì pe' n'ora sole
lu tempe belle de la cuntentezze,
quande pazzijavame a "vola vola"
e te cupre' de vasce e de carezze.

E vola vola vola vola
e vola lu pavone;
si tiè lu core bbone
mo fammece arpruva'.

'Na vote pe' spegna' lu fazzulette,
so' state cundannate de vasciarte.
Tu te scì fatte rosce e me scì ditte
di 'nginucchiarme prima e d'abbracciarte.

E vola vola vola vola
e vola lu gallinacce;
mo si ti guarde 'n facce
mi pare di sugna'.

Come li fiure nasce a primavere,
l'amore nasce da la citilanze.
Marì, si mi vuò bbene accome jere,
nè mi luvà stu sogne e sta speranze.

E vola vola vola vola
e vola lu cardille;
nu vasce a pizzichille
nè mi le può nega'...

'Na vota 'r'na pupuccia capricciosa,
purtive trecci appese e lu fruntine;
mo ti si fatte serie e vruvignose,
ma ss'ucchie me turmente e me trascine.

E vola vola vola vola
vola la ciaramelle;
pe' 'n'ore cuscì belle
vulesse sprufunna'.


LU MARITIELLO

Io so nu maritiello, assai curiose
Da na cantina esche 'nda n'ata trase
Quanne ritorno a casa, tutto 'mbriache
Dico mugliera mia facime la pace

Lena, mia cara Lena
Tu sei la pena di questo cuor

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Pace non voglio far, sono adirata
se prima non mi dici dove hai stato
Io vado a lavorare trasporto vino
Io bevo e Io trasporto qui dentro di me

Vino, vino, eccolo qua
Vino, vino, e tira a campà

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Nun veco l'ora ca vene Natale
Pe famme na magnata de maccaroni
Pe me scurdà li guaie e le cambiali
Me faccio na bevuta e tiro a campà

Vino, vino eccolo qua
Vino, vino e tira a campà

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Tu si 'cchiù bélla de na rosa di maggio
L'uocchie ca tiene 'nfronte so com'a lu mere
Pe vulé bene a te ce vole curaggio
Io sparapacchio e moro d'amore pe té!

Lena, mia cara Lena
I voglio bene ti voglio amar

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci

CALABRISELLA
There are different lyrics which can be found here: http://it.wikipedia.org/wiki/Calabrisella

credits

from Gocce d'Oro, released January 1, 2009
Piemontesina Enrico Frati - Giovanni Raimondo, Vóla vóla vóla Guido Albanese Luigi Dommarco, Lu maritiello Tony Santagata, Calabrisella Traditional folksong from Calabria

tags

license

all rights reserved

about

Roberto Ruscitti Caracas, Venezuela

Roberto Ruscitti is a true virtuoso. The long years of practice, combined with a great passion as an interpreter, make him difficult to match.
Through him the “joropo” and the Venezuelan waltz take their rightful and prominent place in the vast, worldwide field of music.
As a composer, Roberto Ruscitti also astounds and wins admiration.
The force and beauty of his music seduce … enthrall...
... more

contact / help

Contact Roberto Ruscitti

Streaming and
Download help