Gocce d'Oro

by Roberto Ruscitti

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      $14 USD  or more

     

  • Full Digital Discography

    Get all 4 Roberto Ruscitti releases available on Bandcamp and save 25%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of Mi Mundo, Ensueño, Gotas de Oro, and Gocce d'Oro. , and , .

      $30.75 USD or more (25% OFF)

     

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
02:58
9.
10.
02:41
11.
02:41
12.
13.
14.
15.
16.
02:17
17.
01:42
18.
19.
20.
21.
22.
02:13
23.
24.
25.
03:16

credits

released January 1, 2009

tags

license

all rights reserved

about

Roberto Ruscitti Caracas, Venezuela

Roberto Ruscitti is a true virtuoso. The long years of practice, combined with a great passion as an interpreter, make him difficult to match.
Through him the “joropo” and the Venezuelan waltz take their rightful and prominent place in the vast, worldwide field of music.
As a composer, Roberto Ruscitti also astounds and wins admiration.
The force and beauty of his music seduce … enthrall...
... more

contact / help

Contact Roberto Ruscitti

Streaming and
Download help

Track Name: Chitarra Romana
Sotto un manto di stelle
Roma bella mi appare,
solitario il mio cuor disilluso d'amor.
vuol nell'ombra cantar

Una muta fontana
e un balcone lassù,
o chitarra romana
accompagnami tu.

Suona suona mia chitarra
lascia piangere il mio cuore,
senza casa e senza amore
mi rimani solo tu.

Se la voce è un pò velata
accompagnami in sordina,
la mia bella fornarina
al balcone non c'è più.

Lungotevere dorme
mentre il fiume cammina,
io lo seguo perchè mi trascina con sè
e travolge il mio cuor.

Vedo un ombra lontana
e una stella lassù,
o chitarra romana
accompagnami tu.

Se la voce è un pò velata
accompagnami in sordina,
la mia bella fornarina
al balcone non c'è più.

O chitarra romana
accompagnami tu!
Track Name: Binomio Campagnolo
REGINELLA CAMPAGNOLA

All'alba quando spunta il sole,
là nell'Abruzzo tutto d'or...
le prosperose campagnole
discendono le valli in fior.

O campagnola bella,
tu sei la Reginella.
Negli occhi tuoi c'è il sole
c'è il colore delle viole,
delle valli tutte in fior!...
Se canti la tua voce,
è un'armonia di pace,
che si diffonde e dice:
"se vuoi vivere felice
devi vivere quassù!..."
Quand'è la festa del paesello,
con la sua cesta se ne va...
trotterellando l'asinello,
la porta verso la città.

O campagnola bella...

Ma poi la sera al tramontare,
con le sue amiche se ne va...
è tutta intenta a raccontare,
quello che ha veduto là in città.

O campagnola bella...

LA PICCININA

Col visino mezzo incipriato
e il più bel sorriso spensierato
giri per il Corso più affollato
col tuo scatolone di novità.

Oh, bella piccinina
che passi ogni mattina
sgambettando lieta tra la gente
canticchiando sempre allegramente.
Oh, bella piccinina,
sei tanto birichina
che divnti rossa rossa
se qualcuno là per là,
dolce una frase ti bisbiglia,
ti fa l'occhiolin di triglia,
toi saluta e se ne va.
Quando tu sei sola al magazzino
e allo spaecchio provi un cappellino
pensi sempre a quel giovanottino
che ogni sera fuori t'aspetterà.

Oh, bella piccinina...

Semplice così, sei come un fiore,
non conosci i palpiti del cuore,
ma se un dì saprai cos'è l'amore
tu rimpiangerai questa bella età.

Oh, bella piccinina...
Track Name: Mazurca della Nonna
Quando senti l'orchestrina,
tra una danza americana,
che strimpella una mazurca dall'aria paesana,
pensi allora alla "quadriglia"
d'un bel tempo che passò,
quando usava la "pariglia" attaccata al "landò".
Quando non c'erano i tanghi e i fox-trot!...

Ah... la mazurca
che ballava la mia nonna
con le trecce a penzoloni
e con i mutandoni
sotto la sua gonna.
Quando mio nonno,
per baciare la sua mano
non usava la scaletta,
ma la bicicletta
fino al primo piano...

I giovincelli,
di vent'anni o poco più,
com'eran belli
coi baffoni... per l'insù.
Ah... la mazurca
d'un bel tempo assai lontano
quando prima di sposarsi,
stavano a guardarsi con le mani in mano...

Or si balla la "carioca",
il sassofono rimbomba,
ma il mio nonno suona ancora il... grammofono a tromba...
Pensa ahimè, con nostalgia
all'antica gioventù
quando allora ogni Maria non era... Mariù...
Com'era bello quel tempo che fu!
Track Name: Due Stelle Napoletane
ANEMA E CORE

Nuje ca perdimmo 'a pace e 'o suonno,
nun ce dicimmo maje pecch?
Vocche ca vase nun ne vonno,
nun so' sti vvocche oje ne'!
Pure, te chiammo e nun rispunne
pe' fa dispietto a me
Tenimmoce accus: anema e core,
nun ce lassammo cchi, manco pe' n'ora,
stu desiderio 'e te mme fa paura,
camp cu te, sempre cu te, pe' nun mur.
Che ce dicimmo a fa parole amare,
si 'o bbene po' camp cu nu respiro?
Si smanie pure tu pe' chist'ammore,
tenimmoce accuss anema e core!
Forse sarr ca 'o chianto doce,
forse sarr ca bene fa
Quanno mme sento cchi felice,
nun felicit.
Specie si vvote tu mme dice,
distratta, 'a verit .
Stu desiderio 'e te mme fa paura,
camp cu te, sempre cu te, pe' nun mur.
Che ce dicimmo a fa parole amare,
si 'o bbene po' camp cu nu respiro?
Si smanie pure tu pe' chist'ammore,
tenimmoce accuss anema e core!
Tenimmoce accuss: anema e core


LUNA ROSSO

Vaco distrattamente abbandunato...
Ll'uocchie sott''o cappiello annascunnute,
mane 'int''a sacca e bávero aizato...
Vaco siscanno ê stelle ca só' asciute...
Fischio.........................
E 'a luna rossa mme parla 'e te,
Io lle domando si aspiette a me,
e mme risponne: "Si 'o vvuó' sapé,
ccá nun ce sta nisciuna..."
E i' chiammo 'o nomme pe' te vedé,
ma, tutt''a gente ca parla 'e te,
risponne: "E' tarde che vuó' sapé?!
Ccá nun ce sta nisciuna!..."
Luna rossa,
chi mme sarrá sincera?
Luna rossa,
se n'è ghiuta ll'ata sera
senza mme vedé...
E io dico ancora ch'aspetta a me,
for''o barcone stanott'ê ttre,
e prega 'e Sante pe' mme vedé...
Ma nun ce sta nisciuna...
II
Mille e cchiù appuntamente aggio tenuto...
Tante e cchiù sigarette aggio appicciato...
Tanta tazze 'e café mme só' bevuto...
Mille vucchelle amare aggio vasato....
Fischio.........................
E 'a luna rossa mme parla 'e te,
Track Name: Luna e Sole di Napoli
LUNA CAPRESE

oheee!...
cu mme cantate 'sta canzone.
vuje ca suffrite 'e ppene dell'ammore.
capri,
ve po' 'ncanta' cu na parola...
so' accumparut''e stelle
a pprimma sera,
tutta tragara luce mmiez''o mare.
na fascia argiento sott''e faragliune
e nu mistero 'int''a 'sta notta chiara.
notte 'e silenzio e i' mo'
chesta canzone
canta' vulesse a chi
m'ha affatturato...
tu, luna luna tu, luna caprese.
ca faje

sunna' l' ammore 'e 'nnammurate
adduorme 'a nenna mia che sta scetata
e fall' annammura' cu na bucia
tu, luna luna tu, luna buciarda,
famme passa' 'sti ppene 'e gelusia
e fa ca nenna fosse tutta mia
tu, luna luna tu, luna caprese!...

e fa ca nenna fosse tutta mia
tu, luna luna tu, luna caprese!...
oheee!...
cu mme cantate 'sta canzone.
vuje ca suffrite 'e ppene dell'ammore.
capri,
ve po' 'ncanta' cu na parola…

O SOLE MIO

Che bella cosa è na jurnata ’e sole,
n’aria serena dopo na tempesta!
Pe’ ll’aria fresca para già na festa...
Che bella cosa na jurnata ’e sole.
Ma n’atu sole cchiù bello, oi ne’,
’o sole mio sta nfronte a te!
’o sole, ’o sole mio, sta nfronte a te,
sta nfronte a te!
Quanno fa notte e ’o sole se ne scenne,
me vane quasi ’na malincunia;
sotta ’a fenesta toia restarria
quanno fa notte e ’o sole se ne scenne.
Ma n’atu sole cchiù bello, oi ne’,
’o sole mio sta nfronte a te!
’o sole, ’o sole mio, sta nfronte a te,
sta nfronte a te!
Track Name: Una Spina e una Rosa
domani e' festa
questa notte si va a letto tardi
resta con me
a questa ora e' un peccato lascarci
balliamo ancora
come se fosse la prima volta
questo amore che deve finire
non puo' morire stanotte cosi'.
ahi, ahi, ahi
una gioia un dolore mi dai
una spina e una rosa
ahi, ahi, ahi
a ballare di notte con te
quant'e' pericoloso.
ma una notte cosi'
vale piu' della vita di un re
del domani non m'importa niente
voglio morire stanotte con te.
questa canzone
e' la storia di due innamorati
che come noi
se si lasciano sono perduti
balliamo ancora
come se fosse la prima volta
questo amore che deve finire
non puo' morire stanotte cosi'.
ahi, ahi, ahi
una gioia un dolore mi dai
una spina e una rosa
ahi, ahi, ahi
a ballare di notte con te
quant'e' pericoloso.
ma una notte cosi'
vale piu' della vita di un re
del domani non m'importa niente
voglio morire stanotte con te.
Track Name: Arrivederci Roma
T'invidio turista che arrivi,
t'imbevi de fori e de scavi
poi tutto d'un colpo te trovi
fontana de Trevi ch'è tutta pe' te!
Ce sta 'na leggenda romana
legata a 'sta vecchia fontana
per cui se ce butti un soldino
costringi er destino a fatte tornà

Arrivederci Roma, Goodbye, Au Revoir...
Mentre l'inglesina s'allontana
un ragazzinetto s'avvicina
va nella fontana, pesca un soldo, se ne va!
Arrivederci Roma!

Source: wikipedia
http://en.wikipedia.org/wiki/Arrivederci_Roma
Track Name: Rosamunda
Rosamunda, Rosamunda
che magnifica serata,
sembra quasi preparata
da una fata delicata.

Mille luci, mille voci,
mille cuori strafelici
sono tutti in allegria,
oh che felicità!

Rosamunda, se mi guardi tu
Rosamunda, non resisto più.
Tutte le coppie fo' inciampar,
più non mi trovo a saltellar.

Rosamunda, tu mi fai gioir
Rosamunda, tu mi fai stordir.
Sotto le stelle, a cuore a cuor
è tanto bello fare all'amor.

Rosamunda,
tu sei la vita per me.
Rosamunda,
tutto il mio cuore è per te.

Nei tuoi baci
c'è tanta felicità,
più ti guardo e più mi piaci
Rosamunda.

~ ~ ~

Nei tuoi baci
c'è tanta felicità,
più ti guardo e più mi piaci
Rosamunda.

Rosamunda,
tu sei la vita per me.
Rosamunda,
tutto il mio cuore è per te.

Nei tuoi baci
c'è tanta felicità,
più ti guardo e più mi piaci
Rosamunda.

Rosamunda
Rosamunda
Track Name: Tarantella Napoletana
Tarantella
Viene ccà; nun fa cchiù a zeza,
tire e molla, Carmenè!
Vide, vi', si fatta meza,
ne' saie dirme lo pecché,
Io porzì mme vedo e sento
mpilo mpilo ndebolì!
mme so fatto no peliento,
nè la causa io saccio dì.
Da chell'ora che a la festa
nce ncontraimo, Carmenè,
tengo mpietto na tempesta,
comme tu l'aje mpietto a te.
Q uanno sto da te lontano
io me sento ascevolì
Tu faie segno co la mano
ch 'a te pure fa accossì.
Viene mo, ce sta resella
tu no mmito vuoie da me
A ballà la tarantella
fatte nnanza azzecca, azzé.
No carofano scarlato
tengo schiuso Carmenè;
a nisciuno ll'agio dato
pe stiparlo schitto a te.
Vi lo core che te dice:
dì, lo vuoje, o non lo vuò?
Si lo cirche e si' felice;
io lo coglio e te lo dò.
Tu porzì tiene na cosa,
Carmenè, che fa pe mme;
è na bella e fresca rosa
che cchiù cara, no. non c'è.
Pe no poco, no momento
dalla a me, sperenno io sto:
famme, sì, famme contento,
Carmenè, dammella mo.
De sti sciure no mazzetto
voglio farne, nenna, né!
Po' a ballà no minuetto
vienetenne, Carmenè!
Track Name: Volare
Penso che sogno così
non ritorni mai più,
mi dipingevo le mani
e la faccia di blu,
poi d'improvviso venivo
dal vento rapito,
e incominciavo a volare
nel cielo infinito.

Volare ho ho
cantare ho ho hoho,
nel blu dipinto di blu,
felice di stare lassù,
e volavo volavo
felice più in alto del sole
ed ancora più sù,
mentre il mondo
pian piano spariva laggiù,
una musica dolce suonava
soltanto per me.

Volare ho ho
cantare ho ho hoho
nel blu dipinto di blu
felice di stare lassù.

Ma tutti i sogni
nell'alba svaniscon perchè,
quando tramonta la luna
li porta con se,
ma io continuo a sognare
negl'occhi tuoi belli,
che sono blu come il un cielo
trapunto di stelle.

Volare ho ho
cantare ho ho hoho,
nel blu degl'occhi tuoi blu,
felice di stare qua giù,
e continuo a volare felice
più in alto del sole
ed ancora più su,
mentre il mondo
pian piano scompare
negl'occhi tuoi blu,
la tua voce è una musica
dolce che suona per me.

Volare ho ho
cantare ho ho hoho
nel blu degl'occhi tuoi blu,
felice di stare qua giù,
nel blu degl'occhi tuoi blu,
felice di stare qua giù
con te..
Track Name: Guaglione
Staje sempe ccá, 'mpuntato ccá 'mmiez'a 'sta via
Nun mange cchiù, nun duorme cchiù, che pecundría!
We piccerí' che vène a dí 'sta gelusia?
Tu vuó' suffrí, tu vuó' murí, chi t''o ffá fá

Tu non sai più cos’è l’amore a vent’anni
A starci nei panni di un ragazzo di strada
Che crede ancora nei suoi sbagli
E la scorza da duro non gliela leva nessuno
Nasconde un cuore più puro
Messo al sicuro dagli inganni

E passe e spasse sott’a stu barcone
Ma tu si’ guaglione!
Tu nun canusce ‘e ffemmene
Si’ ancora accussí giovane!

Tu si’ guaglione, che t’hê miso ‘ncapa?
Va’ a ghiucá ‘o pallone

Che vònno dí sti llacreme?
Vatté’, nun mme fá ridere!

Curre ‘mbraccio addu mammá
Nun fá ‘o scemo piccerí'
Dille tutta ‘a veritá
Ca mammá te pò capì!

Hey, hey e chi ci ha mamma non piange vero mai
Ma se non soffi non cade il velo
Che ti fa vivere in bianco e nero
Un uomo libero segue la sua strada
Anche se è sbagliata ci vediamo alla prossima cazzata

Nun ‘a penzá, va’ a pazziá cu ‘e guagliunciéllo
Nun t’avvelí, c’è tiempo oje ni’, pe’ te ‘nguajá!

Chi desidere ‘e vasá (come devi fare è mobilitare)
Scordatélla, piccerí’
Ca si ‘o ddiceno a papá (non sono lo scemo di prima)
Chisá comme va a ferní (l’amore a vent'anni, ho solo vent'anni)

E passe e spasse sott’a stu barcone
Ma tu si’ guaglione
Tu nun canusce ‘e ffemmene,
Si’ ancora accussí giovane!

Tu si’ guaglione, che t’hê miso ‘ncapa?
Va’ a ghiucá ‘o pallone
Che vònno dí sti llacreme?
Vatté’, nun mme fá ridere!

Curre ‘mbraccio addu mammá (come devi fare è mobilitare)
Nun fá ‘o scemo piccerí’(che sono le sei di mattina, sei di mattina)
Dille tutta ‘a veritá (non sono lo scemo di prima, di prima)
Ca mammá te pò capì! (l’amore a vent'anni, ho solo vent'anni)

Che vònno dí sti llacreme?
Vatté’, nun mme fá ridere!

Curre ‘mbraccio addu mammá (come devi fare è mobilitare)
Nun fá ‘o scemo piccerí’(che sono le sei di mattina, sei di mattina)
Dille tutta ‘a veritá (non sono lo scemo di prima, di prima)
Ca mammá te pò capì! (l’amore a vent'anni, ho solo vent'anni)

Curre ‘mbraccio addu mammá (come devi fare è mobilitare)
Nun fá ‘o scemo piccerí’(che sono le sei di mattina, sei di mattina)
Dille tutta ‘a veritá (non sono lo scemo di prima, di prima)
Ca mammá te pò capì! (l’amore a vent'anni, ho solo vent'anni)

Curre ‘mbraccio addu mammá
Nun fá ‘o scemo piccerí’ (ho solo vent'anni)
Dille tutta ‘a veritá (l’amore a vent'anni)
Ca mammá te pò capí! (Ho solo vent'anni)
Track Name: Potpourri Populare
PIEMONTESINA

Addio bei giorni passati,
mia piccola amica ti devo lasciar,
gli studi son già terminati
abbiamo finito così di sognar.

Lontano andrò,
dove non so,
parto col pianto nel cuor,
dammi l'ultimo bacio d'amor.

Non ti potrò scordare
piemontesina bella,
sarai la sola stella
che brillerà per me.

Ricordi quelle sere
passate al Valentino,
col biondo studentino
che ti stringeva sul cuor.

Rosina il tuo allegro studente,
di un giorno lontano è adesso dottor,
io curo la povera gente
ma pure non riesco a guarire il muio cuor.

La gioventù,
non torna più,
quanti ricordi d'amor,
a Torino ho lasciato il mio cuor.

Non ti potrò scordare
piemontesina bella,
sarai la sola stella
che brillerà per me.

Ricordi quelle sere
passate al Valentino,
col biondo studentino
che ti stringeva sul cuor.

Ricordi quelle sere
passate al Valentino,
col biondo studentino
che ti stringeva sul cuor

VOLÁ, VOLÁ, VOLÁ

Vulesse fa' 'rvenì pe' n'ora sole
lu tempe belle de la cuntentezze,
quande pazzijavame a "vola vola"
e te cupre' de vasce e de carezze.

E vola vola vola vola
e vola lu pavone;
si tiè lu core bbone
mo fammece arpruva'.

'Na vote pe' spegna' lu fazzulette,
so' state cundannate de vasciarte.
Tu te scì fatte rosce e me scì ditte
di 'nginucchiarme prima e d'abbracciarte.

E vola vola vola vola
e vola lu gallinacce;
mo si ti guarde 'n facce
mi pare di sugna'.

Come li fiure nasce a primavere,
l'amore nasce da la citilanze.
Marì, si mi vuò bbene accome jere,
nè mi luvà stu sogne e sta speranze.

E vola vola vola vola
e vola lu cardille;
nu vasce a pizzichille
nè mi le può nega'...

'Na vota 'r'na pupuccia capricciosa,
purtive trecci appese e lu fruntine;
mo ti si fatte serie e vruvignose,
ma ss'ucchie me turmente e me trascine.

E vola vola vola vola
vola la ciaramelle;
pe' 'n'ore cuscì belle
vulesse sprufunna'.


LU MARITIELLO

Io so nu maritiello, assai curiose
Da na cantina esche 'nda n'ata trase
Quanne ritorno a casa, tutto 'mbriache
Dico mugliera mia facime la pace

Lena, mia cara Lena
Tu sei la pena di questo cuor

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Pace non voglio far, sono adirata
se prima non mi dici dove hai stato
Io vado a lavorare trasporto vino
Io bevo e Io trasporto qui dentro di me

Vino, vino, eccolo qua
Vino, vino, e tira a campà

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Nun veco l'ora ca vene Natale
Pe famme na magnata de maccaroni
Pe me scurdà li guaie e le cambiali
Me faccio na bevuta e tiro a campà

Vino, vino eccolo qua
Vino, vino e tira a campà

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Tu si 'cchiù bélla de na rosa di maggio
L'uocchie ca tiene 'nfronte so com'a lu mere
Pe vulé bene a te ce vole curaggio
Io sparapacchio e moro d'amore pe té!

Lena, mia cara Lena
I voglio bene ti voglio amar

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci
E poi tenerti sul cuor

Vorrei coprir la tua bocca
Di baci, di baci, di baci

CALABRISELLA
There are different lyrics which can be found here: http://it.wikipedia.org/wiki/Calabrisella
Track Name: Potpourri Variato
QUE SERA SERA

When I was just a little girl
I asked my mother
What will I be
Will I be pretty
Will I be rich
Here's what she said to me

Que sera, sera
Whatever will be, will be
The future's not ours to see
Que sera, sera
What will be, will be

When I grew up and fell in love
I asked my sweetheart
What lies ahead
Will we have rainbows
Day after day
Here's what my sweetheart said

Que sera, sera
Whatever will be, will be
The future's not ours to see
Que sera, sera
What will be, will be

Now I have Children of my own
They ask their mother
What will I be
Will I be handsome
Will I be rich
I tell them tenderly

Que sera, sera
Whatever will be, will be
The future's not ours to see
Que sera, sera
What will be, will be
Que Sera, Sera

LA LUNA NEL RIO

Chi gettò la luna nel rio, chi la gettò?
Chi la gettò?
Chi la gettò?
Chi la gettò?
Chi la gettò?

Chi gettò la luna nel rio, chi la gettò?
La luna dell'amor mio, chi la gettò?
Una grande rete di stelle io prenderò
e dal profondo del rio la luna mia ripescherò.
E dal profondo del rio la luna mia ripescherò.

Gira e volta se vuoi girar,
ma l'amore non puoi fermar,
se lo perdi lo tornerai a incontrar.
Gira e volta se vuoi girar,
ma l'amore non puoi fermar,
se lo perdi lo tornerai a incontrar.

Chi gettò il mio amore nel rio, chi lo gettò?
Per darmi tanto dolore, chi lo gettò?
Ma stavolta aiuto dal cielo non cercherò,
con una rete di baci l'amore mio riprenderò.
E dal profondo del rio tra le mie braccia lo salverò.

Gira e volta se vuoi girar,
ma l'amore non puoi fermar,
se lo perdi lo tornerai a incontrar.
Gira e volta se vuoi girar,
ma l'amore non puoi fermar,
se lo perdi lo tornerai a incontrar.

Chi gettò il mio amore nel rio, chi lo gettò?
Per darmi tanto dolore, chi lo gettò?
Ma stavolta aiuto dal cielo non cercherò,
e dal profondo del rio tra le mie braccia lo salverò.

Gira e volta se vuoi girar,
ma l'amore non puoi fermar,
se lo perdi lo tornerai a incontrar.
Gira e volta se vuoi girar,
ma l'amore non puoi fermar,
se lo perdi lo tornerai a incontrar.
Track Name: Terra Straniera
Terra straniera ... Quanta malinconia
Quando ci salutammo, non so perché
tu mi gettasti un bacio e fuggisti via,
eppure adesso, te lo confesso,
non penso a te ...

Non li ricordo più quegli occhi belli
pieni di luce calda ed infinita...
Mi son dimenticato i tuoi capelli
e la boccuccia ch'era la mia vita.

Ma sogno notte e dì la mia casetta,
la mia vecchietta che sempre aspetta...
L'amore del paese e della mamma
è una gran fiamma che brucia il cuor!
Questa tristezza, questa nostalgia
sono il ricordo dell'Italia mia!

Ma sogno notte e dì la mia casetta,
la mia vecchietta che sempre aspetta...
L'amore del paese e della mamma
è una gran fiamma che brucia il cuor!
Mamma ... io morirò di nostalgia
se non rivedo te ... !e l'Italia mia!
Track Name: Violino Tzigano
Oh Tzigano, dall’aria triste e appassionata,
che fai piangere il tuo violino fra le dita,
suona ancora, come una dolce serenata,
mentre, pallido, nel silenzio ascolterò
questo tango che, in una notte profumata,
il mio cuore ad un altro cuore incatenò.

Suona solo per me,
o violino tzigano.
Forse pensi anche tu
a un amore, laggiù
sotto un cielo lontan.

Se un segreto dolor
fa tremar la tua mano
questo tango d’amor
fa tremare il mio cuor,
oh violino tzigano.

Tu che sogni la dolce terra d’Ungheria,
suona ancora con tutta l’anima tzigana.
Voglio piangere, come te, di nostalgia
nel ricordo di chi il mio cuore abbandonò.
Come il canto che tu diffondi per la via
con il vento, la mia passione dileguò.

Questo tango d’amor
ma il mio amore lontano
suona, suona per me
forse piango con te
o violino tzigano!
Track Name: La Zita
Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita la prima sera
Nu panare de pere galante Nu panare de pere galante Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze
Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita alli tre sere
E tre pesci che vanno nuotando e due lepri ben correnti,
Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita alli cinque sere
Cinque piatti di maccheroni, le brasciole e cannelloni, quatte colombe che vanno volando, con tre pesci che vanno nuotando e due lepri ben correnti,
Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita alli sette sere
Sette vacche ben cresciute, con sei pecore arrustute...
Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita, Che si mangiava la zita alli sedici sere
Sedici chili di salsicce se li mangia secche secche,
quindici chili di vermicelli guasta la festa e lu sanarielle (?) ,
quattordici chili di insalata m'ha lasciato senza fiato,
tredece chile de confette se strenge la zita e nan aspette,
dodici chili di albicocche si riempie quattro bocche,
undici chili si fichi secchi se li mangia e se li lecca,
dieci rotoli di cerase chi se l'abbrazze e chi se la vase,
nove votte de vine non le bbaste na candine,
otto forme di pane nun se pote sazziè
Track Name: Ciribiribin
Su finiscila coi baci
Bel moruccio biricchin
Ma non vedi tu la luna
Che dal ciel fa capolin?
Lascia pur la luna spii
Noi las ciamola spiar
Anzi, il pallido suo raggio
Ci consiglia a seguitar!
Ma poi chissà? Cosa dirà?
E via dirà quelche vorrà
A - ha, A - ha
Ciribiribin, Ciribiribin, Ciribiribin
Ciribiribin, Ciribiribin, Ciribiribin
Ciribiribin che bel faccin
Che sguardo dolce assassin
Ciribiribin, che bel nassin
Che bel dentin, che bel bocchin!
Ciribiribin che bel faccin
Che squardo dolce assassin
Ciribiribin, Ciribiribin
Ciribiribin, Ciribiribin
Ciribiribin che bel faccin
Track Name: Le Tré Perle
LA PANSÉ

Ogni giorno cambi un fiore
e lo appunti in petto a te...
Stamattina, sul tuo cuore,
ci hai mettuto una pansé...

E perché ce l'hai mettuta?
se nun sbaglio l'ho capito...
Mi vuoi dire, o bella fata,
che tu pensi sempro a me...

Ah!
Che bella pansé che tieni,
che bella pansé che hai...
me la dai?
me la dai?
me la dai la tua pansé?

Io ne tengo un'altra in petto
e le unisco tutt'e due:
Pansé mia e pansé tua...
in ricordo del nostro amor!

Questo sciore avvellotato,
tanto caro io lo terrò...
Quando si sará ammosciato,
io me lo conserverò....

Ci ha tre petali, tesoro,
e ogneduno ci ha un pensiero...
sono petali a colori:
uno giallo e due marrò...

Ah!....
Che bella pansé che tieni,
che bella pansé che hai...
me la dai?
me la dai?
me la dai la tua pansé?

Tu sei come una fraffalla
che svolacchia intorno a me...
Poi ti appuoi sulla mia spalla
con il pietto e la pansé...

Io divento un mammalucco,
poi ti vaso sulla bocca
e mi sembra un tricchi-tracco
questo vaso che do a te!

Ah!....
Che bella pansé che tieni,
che bella pansé che hai...
me la dai?
me la dai?
me la dai la tua pansé?

Io ne tengo un'altra in petto
e le unisco tutt'e due:
Pansé mia e pansé tua...
in ricordo del nostro amor!


CHELLA LA

St'ammore me teneva 'ncatenato
ma ho detto basta e mi so' liberato
me pare cchiù turchino 'o cielo
me pare cchiù lucente 'o sole
e 'o core canta p''a felicità.
Chella llà, chella llà
mo' va dicenno 'ca me vo' lassà
se crede 'ca me faccio 'o sangue amaro*
se crede 'ca 'mpazzisco e po' me sparo
chella llà, chella llà
nun sape che piacere 'ca me fa
me ne piglio nata cchiù bella
e zitella restarra'
chella llà, chella llà, chella llà!

Ajere m'ha mandato nu' biglietto
p' 'a figlia d''o purtiere di rimpetto
me scrive c' 'a nun e' felice
e c'a vurria cu me fa pace
ma io me sto gustanno 'a libertà.
Chella llà, chella llà
mo' va dicenno 'ca me vo' lassà
se crede ca me faccio 'o sangue amaro
se crede 'ca 'mpazzisco e po' me sparo
chella llà, chella llà
nun sape che piacere 'ca me fa
me ne piglio nata cchiu' bella
e zitella restarrà
chella llà, chella llà, chella llà!

Chella llà, chella llà
nun sape che piacere 'ca me fa
me ne piglio nata cchiu' bella
e zitella restarra'
chella llà, chella llà, chella llà
Chella llà, chella llà, chella llà
chella llà, chella llà, chella llà
chella llà, chella llà, chella llà.

SCAPRICCIATELLO

"Scapricciatiellu mio, vatténne â casa
si nun vuó' jí 'ngalèra, 'int'a stu mese..."
Comme te ll'aggi''a dí ca nun è cosa?!
Chella nun è pe' te... chella è na 'mpesa!
Che vène a dí ch'è bella cchiù 'e na rosa
si po' te veco 'e chiagnere annascuso?
Lássala, siente a me, ca nun è cosa!
Tu, p' 'a bionda, si' troppo onesto:
chella è fatta pe' ll'ommo 'nzisto...
Alluntánate 'a 'sta "maésta"
ca te pierde, figlio 'e mammá...
Nun 'o vvide ca te repassa?
Te ciancéa cu ciento mosse...
T' 'o ffá credere e po' te lassa:
Te fa perdere 'a libertá!
Tutt' 'e mmatine, mamma, dint' 'a cchiesa,
prega, pe' te, 'a Madonna e nun repòsa...
Jett' 'o curtiello...nun fá 'o smaniuso,
si no tu vaje 'ngalèra e 'a bionda sposa!
curre add' 'a vecchia, va', cércale scusa!
Tu p' 'a bionda...

STRUMENTALE

Nun 'o vvide ca te repassa?
Te ciancéa cu ciento mosse...
T' 'o ffá credere e po' te lassa:
Te fa perdere 'a libertá!

"Scapricciatiellu mio, vatténne â casa
si nun vuó' jí 'ngalèra, 'int'a stu mese!"
Track Name: Potpourri della Samba
QUANDO QUANDO QUANDO

Dimmi quando tu verrai,
Dimmi quando... Quando... Quando...
L'anno, il giorno e l'ora in cui
Forse tu mi bacerai...

Ogni istante attenderт,
Fino a quando... Quando... Quando...
D'improvviso ti vedrт
Sorridente accanto a me!

Se vuoi dirmi di sм
Devi dirlo perchи
Non ha senso per me
la mia vita senza te...

Dimmi quando tu verrai,
Dimmi quando... Quando... Quando...
E baciandomi dirai,
"Non ci lasceremo mai!"

Se vuoi dirmi di sм
Devi dirlo perchи
Non ha senso per me
la mia vita senza te...

Dimmi quando tu verrai,
Dimmi quando... Quando... Quando...
E baciandomi dirai,
"Non ci lasceremo mai

TRUCCI TRUCCI CAVALLUCCI

Trucci trucci cavallucci
chi è che va a cavallo?
Il re del portogallo
con la cavalla zoppa.
Chi l'ha zoppicata?
La stanga della porta.
Dov'è la porta?
L'ha bruciata il fuoco!
Dov'è il fuoco?
L'ha spento l'acqua!
Dov'è l'acqua?
L'ha bevuta il bue
Dov'e il bue?
Il bue sta in campagna
e mangia noci
e castagna!

O MAMMA MAMMA MAMMA

O mamma, mamma, mamma,
un po’ de compassione
a tenemme qui in prigione
tutta la notte e il dì, tutta la notte e il dì.

Tutta la notte e il dine,
tutte le settimane,
co questa mia condanna
pe’ di’ la verità, pe’ di’ la verità.

La verità l’ho detta,
che io non ne so niente,
signor presidente
metteteme a libertà, metteteme a libertà.

Alla mattina bonora
che viene il secondino
mi apre il finestrino,
mi porta da mangià, mi porta da mangià.

C’una pagnota ‘e pane,
c’una gavetta ‘e acqua,
mi chiude l’uscio in faccia
come io fossi un can, come io fossi un can.

Co’ pulci, piocchi, cimici e piattole,
‘na quantità infinita,
me scorre pe’ la vita
nun me fa più campà, num me fa più campà.

CHIU, CHIU

Canta, canta, pajarito,
canta, canta tu canción,
¡canta, que la vida es triste
y tu cantar me alegra el corazón!

Chiu, chiu, chiu, chiu,
chiu, chiu, chiu, cho,
¡canta, canta, pajarito,
que tu cantar me alegra el corazón!
Con tus gorjeos,
con tu trinar,
despierta el alba,
¡la noche ya se va!

Avecita de los campos,
pájaro madrugador,
¡ven y cántale a mi niña!
¡Despiértala antes que salga el sol!

Antes que cante la diuca,
antes que cante el zorzal,
el chincol nos ha cantado,
¡chiu, chiu, sin cesar!
Track Name: Santa Lucia
Sul mare luccica l’astro d’argento.
Placida è l’onda, prospero è il vento.
Sul mare luccica l’astro d’argento.
Placida è l’onda, prospero è il vento.
Venite all’agile barchetta mia,
Santa Lucia! Santa Lucia!
Venite all’agile barchetta mia,
Santa Lucia! Santa Lucia!

Con questo zeffiro, così soave,
Oh, com’è bello star sulla nave!
Con questo zeffiro, così soave,
Oh, com’è bello star sulla nave!
Su passegieri, venite via!
Santa Lucia! Santa Lucia!
Su passegieri, venite via!
Santa Lucia! Santa Lucia!

In fra le tende, bandir la cena
In una sera così serena,
In fra le tende, bandir la cena
In una sera così serena,
Chi non dimanda, chi non desia.
Santa Lucia! Santa Lucia!
Chi non dimanda, chi non desia.
Santa Lucia! Santa Lucia!

Mare sì placida, vento sì caro,
Scordar fa i triboli al marinaro,
Mare sì placida, vento sì caro,
Scordar fa i triboli al marinaro,
E va gridando con allegria,
Santa Lucia! Santa Lucia!
E va gridando con allegria,
Santa Lucia! Santa Lucia!

O dolce Napoli, o suol beato,
Ove sorridere volle il creato,
O dolce Napoli, o suol beato,
Ove sorridere volle il creato,
Tu sei l'impero dell’armonia,
Santa Lucia! Santa Lucia!
Tu sei l'impero dell’armonia,
Santa Lucia! Santa Lucia

Or che tardate? Bella è la sera.
Spira un’auretta fresca e leggiera.
Or che tardate? Bella è la sera.
Spira un’auretta fresca e leggiera.
Venite all’agile barchetta mia,
Santa Lucia! Santa Lucia!
Venite all’agile barchetta mia,
Santa Lucia! Santa Lucia!

Source: wikipedia
http://en.wikipedia.org/wiki/Santa_Lucia
Track Name: Allegro canzoniere
QUEL MAZZOLIN DI FIORI

Quel mazzolin di fiori ........ (che vien dalla montagna)
...quel mazzolin di fiori ...... (che vien dalla montagna)
e bada ben che non si bagna, che lo voglio regalar
....e bada ben che non si bagna, che lo voglio regalar
lo voglio regalare ............. (perche' l'e' un bel mazzetto)
...lo voglio regalare .......... (perche' l'e' un bel mazzetto)
lo voglio dare al mio moretto, questa sera quando vien
...lo voglio dare al mio moretto, questa sera quando vien
stasera quando viene ..... (sara' una brutta sera)
....stasera quando viene ....... (sara' una brutta sera)
e perche' sabato di sera, lu nun e' venu' da me
...e perche' sabato di sera, lu nun e' venu' da me
non e' venu' da me ............. (l'e' anda' dalla rosina)
....non e' venu' da me ......... (l'e' anda' dalla rosina)
e perche' mi son poverina, mi fa pianger sospirar
...e perche' mi son poverina, mi fa pianger sospirar

MARINA

Mi sono innamorato di Marina
Una ragazza mora ma carina
Ma lei non vuol saperne del mio amore
Cosa faro' per conquistarle il cuor
Un girono l'ho incontrata sola sola
Il cuotre mi batteva mille all'ora
Quando le dissi che la volevo amare
Mi diede un bacio e l'amor sboccio'

Marina, Marina, Marina
Ti voglio al piu' presto sposar
Marina, Marina, Marina
Ti voglio al piu' presto sposar

O mia bella mora
No non mi lasciare
Non mi devi rovinare
Oh, no, no, no, no, no

O mia bella mora
No non mi lasciare
Non mi devi rovinare
Oh, no, no, no, no, no

[Instrumental Interlude]

Marina, Marina, Marina
Ti voglio al piu' presto sposar
Marina, Marina, Marina
Ti voglio al piu' presto sposar

O mia bella mora
No non mi lasciare
Non mi devi rovinare
Oh, no, no, no, no, no

O mia bella mora
No non mi lasciare
Non mi devi rovinare
Oh, no, no, no, no, no

CASETTA IN CANADÁ

Vitti na crozza supra nu cannuni
fui curiusu e ci vossi spiari
idda m'arrispunnìu cu gran duluri
murivu senza toccu di campani.

Si nni jeru, si nni eru li mè anni
si nni jeru si nni jeru nun sacciu unni
ora ca sugnu vecchiu di uttant'anni
chiamu la morti e idda m'arrispunni.

cunzàtimi cunzàtimi lu me lettu
ca di li vermi sugnu mangiatu tuttu
si nun lu scuntu cca lu me piccatu
lu scuntu a l'àutra vita a chiantu ruttu

c'è nu giardinu ammezzu di lu mari
tuttu ntissutu di aranci e ciuri
tutti l'aceddi ci vannu a cantari
puru li sireni ci fannu all'amuri

SCIURI SCIURI

Lu sabatu si sapi allegra cori
beatu cu avi bedda la mugghieri
cu l'avi bedda ci veni lu cori
cu l'avi ladia lu friddu e la frevi
Rit:ciuri ciuri ciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu
ciuri ciuri ciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu
la la lalala' lalalalalala
la me vicina e' vucera pazza
nun si la chiuri mai la so vuccuzza
nun si la chiri mancu si s'ammazza
conzala comu voi sempri e' cucuzza
rit.
chiu' ti taliu chiu' diventu siccu
mi sentu cu la testa dintra un saccu
pi veni' appress'a tia persi lu sceccu
e ora comu fazzu a cu accarvacu
rit.
mi pozzu strarriari cu me matri
picchi' mi fici accussi curtulidda
li longhi sunnu tutti strarrieri
li curti sunnu di zuccaru e meli
rit.
aiu 'na zita ca si chiama nedda
bedda di facci ma senza mirudda
ci dissi mi la dai 'na vasatedda
mi dissi no picchi' manciai cipudda
rit.
ciuri di gersuminu rampicanti
si tu di notti a mia cantari senti
nun cantu n'e' p'amuri n'e' p'amanti
ma cantu pi vagarimi la menti
rit.
me soggira mi dici va travagghia
nun fari mali patiri a me figghia
quannu t'a detti eu era na quagghia
ora l'arriducisti na rarigghia.

DOVE STA ZAZÁ

Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via...
Con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passeggiá.
C'era la banda di Pignataro
che suonava il "Parsifallo"
e il maestro, sul piedistallo,
ci faceva deliziá...
Nel momento culminante
del finale travolgente,
'mmiez'a tutta chella gente,
se fumarono a Zazá!...
Dove sta Zazá?!
Uh, Madonna mia...
Come fa Zazá,
senza Isaia?...
Pare, pare, Zazá,
che t'ho perduta, ahimé!
Chi ha truvato a Zazá
ca mm''a purtasse a me...
Jámmola a truvá...
sù, facimm ambress
Jámmola a itruvà
con la banda in testa...
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
tuttuquante aîmm'a strillá:
Zazá, Zazá,
Isaia sta ccá!
Isaia sta ccá!
Isaia sta ccá!...
Zazá, Zazá,
za-za-za-za,
comm'aggi 'a fá pe' te truvá?!
I', senza te, nun pozzo stá...
Zazá, Zazá,
za-za-za-za....
Za-za-za-za-za-za-zá...
Era la festa di San Gennaro,
ll'anno appresso cante e suone...
bancarelle e prucessione...
chi se pò dimenticá!?
C'era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di nocelle
che facevano 'ncantá.
Come allora quel viavai,
ritornò per quella via...
Ritornò pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá...
Dove sta Zazá?
Uh! Madonna mia...
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Pare pare, Zazá
che t'ho perduta, ahimé!
Chi ha truvato a Zazá,
ca mm''a purtasse a me...
Se non troverò
lei, ch'è tanto bella,
mm'accontenterò
'e trová 'a sorella...
T'amerò,
t'amerò,
t'amerò,
pure a lei glielo dirò
che t'amerò:
T'amerò, Zazá!
T'amerò, Zazá!
T'amerò, Zazá!
Zazá, Zazá,
za-za-za-za...
che t'amerò ll'aggi''a cuntá..
Con tua sorella aggi''a sfugá...
Zazá, Zazá,
za-za-za-za...
Zazá, Zazá,
za-za-za-za...
comm'aggi''a fá pe' te truvá?!
I', senza te, nun pòzzo stá!
Zazá, Zazá,
za-za-za-za-za...
Za-za-za-za-za-za-zá...


O SURDAT 'NNAMMURATO

Staje luntana da stu core,
a te volo cu 'o penziero:
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me!
Si' sicura 'e chist'ammore
comm'i' so' sicuro 'e te...

Oje vita, oje vita mia...
oje core 'e chistu core...
si' stata 'o primmo ammore...
e 'o primmo e ll'ùrdemo sarraje pe' me!

Quanta notte nun te veco,
nun te sento 'int'a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t'astregno forte 'mbraccio a me?!
Ma, scetánnome 'a sti suonne,
mme faje chiagnere pe' te...

Oje vita....

Scrive sempe e sta' cuntenta:
io nun penzo che a te sola...
Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me...
'A cchiù bella 'e tutt''e bbelle,
nun è maje cchiù bella 'e te!

Oje vita....
Track Name: Potpourri Romantico
IL CUORE É UNO ZINGARO

Avevo una ferita in fondo al cuore, soffrivo, soffrivo?
Le dissi non è niente ma mentivo, piangevo, piangevo.
Per te si è fatto tardi è già notte,
non mi tenere lasciami giù
mi disse non guardarmi negli occhi,
e mi lasciò cantando così:

"Che colpa ne ho se il cuore è uno zingaro e va
catene non ha, il cuore è uno zingaro e va.
Finché troverà, il prato più verde che c?è
raccoglierà le stelle su di se
e si fermerà chissà? e si fermerà".

L' ho vista dopo un anno l'altra sera, rideva, rideva.
Mi strinse, lo sapeva che il mio cuore, batteva, batteva.
Mi disse stiamo insieme stasera
che voglia di risponderle sì?
ma senza mai guardarla negli occhi
io la lasciai cantando così:
Tomado de AlbumCancionYLetra.com
"Che colpa ne ho se il cuore è uno zingaro e va
catene non ha, il cuore è uno zingaro e va.
Finché troverà, il prato più verde che c?è
raccoglierà le stelle su di se
e si fermerà chissà? e si fermerà". La

LA PRIMA COSA BELLA

Ho preso la chitarra
e suono per te
il tempo di imparare
non l'ho e non so suonare
ma suono per te.
La senti questa voce
chi canta e` il mio cuore
amore amore amore
e` quello che so dire
ma tu mi capirai
I prati sono in fiore
profumi anche tu
ho voglia di morire
non posso piu` cantare
non chiedo di piu`
La prima cosa bella
che ho avuto dalla vita
e` il tuo sorriso giovane, sei tu.
Tra gli alberi una stella
la notte si e` schiarita
il cuore innamorato sempre piu`
sempre piu`
La senti questa voce
chi canta e` il mio cuore
amore amore amore
e` quello che so dire
ma tu mi capirai
I prati sono in fiore...
La prima cosa bella
che ho avuto dalla vita
e` il tuo sorriso giovane sei tu
Tra gli alberi una stella
la notte si e` schiarita
il cuore innamorato sempre piu`
La senti questa voce
chi canta e` il mio cuore
amore amore amore
e` quello che so dire
ma tu mi capirai
ma tu mi capirai

AL DI LÁ
Track Name: La Festa
PAPAVERI E PAPERE

Su un campo di grano che dirvi non so,
un dì Paperina col babbo passò
e vide degl’alti papaveri al sole brillar,
e lì s’incantò.
La papera al papero chiese: "Papà,
pappare i papaveri, come si fa?"
"Perché vuoi pappare i papaveri?" disse papà.
E aggiunse poi, beccando l’insalata:
"Che cosa ci vuoi far… così è la vita."

"Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina.
Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…"

Vicino a un ruscello che dirvi non so,
un giorno un papavero in acqua guardò,
e vide la piccola papera bionda giocar,
e lì s’incantò.
Papavero disse alla mamma: «Mammà,
pigliare una papera, come si fa?»
‹Non puoi tu pigliare una papera›, disse mammà.
‹Se tu da lei ti lasci impaperare,
il mondo intero non potrà più dire:›

‟Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina.
Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…”

E un giorno di maggio che dirvi non so,
avvenne poi quello che ognuno pensò:
Papavero attese la papera al chiaro lunar,
e poi la sposò.
Ma questo romanzo ben poco durò;
poi venne la falce che il grano tagliò,
e un colpo di vento i papaveri in alto portò.
Così Papaverino se n’è andato,
lasciando Paperina impaperata.

‟Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina.
Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…”

‟Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina.
Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…”

Che cosa ci vuoi far…

FUNICULI, FUNICULÁ

Aissera, oje Nanniné, me ne sagliette,
tu saje addó, tu saje addó
Addó 'stu core 'ngrato cchiù dispietto
farme nun pò! Farme nun pò!
Addó lu fuoco coce, ma se fuje
te lassa sta! Te lassa sta!
E nun te corre appriesso, nun te struje
sulo a guardà, sulo a guardà.
(Coro)
Jammo, jammo 'ncoppa, jammo jà,
Jammo, jammo 'ncoppa, jammo jà,
funiculì, funiculà, funiculì, funiculà,
'ncoppa, jammo jà, funiculì, funiculà!
Se n'è sagliuta, oje né, se n'è sagliuta,
la capa già! La capa già!
È gghiuta, po' è turnata, po' è venuta,
sta sempe ccà! Sta sempe ccà!
La capa vota, vota, attuorno, attuorno,
attuorno a tte! Attuorno a tte!
Stu core canta sempe nu taluorno:
Sposamme, oje né! Sposamme, oje né!
(Coro)
Jammo, jammo 'ncoppa, jammo jà,
Jammo, jammo 'ncoppa, jammo jà,
funiculì, funiculà, funiculì, funiculà,
'ncoppa, jammo jà, funiculì, funiculà!